Festeggiamenti in onore della Patrona Santa Rosalia

Si sono conclusi a Bivona i festeggiamenti in onore della Patrona S. Rosalia. I festeggiamenti hanno avuto una fase preparatoria spirituale con la recita della coroncina e con il canto della novena . Per nove giorni ci hanno accompagnato tanti assistenti spirituali: Don Giuseppe Carbone, Don Giuseppe Castellano, Don Giuseppe Morreale, Don Giuseppe Gagliano, Don Salvatore Traina, il nostro Arcivescovo Sua Eminenza Rev.ma il Cardinale Francesco Montenegro, Don Davide Trizzino, Don Michele Termine, Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Ignazio Zambito, Vescovo emerito, Don Marco Vella, Don Epifanio Di Leonardo.  Tutti i sacerdoti hanno delineato la figura di S. Rosalia, facendone scoprire la grandezza, la fortezza d’animo,il coraggio di affrontare un nuovo stile di vita all’insegna della solitudine, della preghiera e dell’ascolto della Parola come nutrimento dell’anima, stile  proveniente dal suo incontro personale con il Signore. Incontro personale che nasce, come ha affermato il nostro Cardinale, dalla continua ricerca di Dio nella quotidianità e nella ferialità. Tutti i battezzati siamo chiamati a diventare “cristiani” riscoprendo la propria grotta, come ha affermato Don Davide Trizzino, dove  potersi rifugiare per conoscere se stessi e operare, con l’aiuto della Parola e della preghiera, quella metamorfosi a mo’ di crisalide, che si chiama conversione e chei conduce a vivere la “santità” a cui è chiamato ogni battezzato, a sopportare persecuzioni, prove e a lottare contro il divisore, come ha fatto la nostra S. Rosalia.

I momenti particolari che la cittadina ha vissuto sono stati : l’affidamento da parte del Sindaco Milko Cinà di Bivona e di tutta la comunità alla Santa Patrona, la consegna della chiave della Città alla Santa , l’accensione della lampada votiva; e la consegna della “Plancia” al nuovo comitato per i festeggiamenti del 2018, capitanato da Meluccia La Mela Veca durante la S. Messa di ringraziamento

Altri momenti sono stati la “scinnuta” e “L’acchianata” del pesante Fercolo, dove è rappresentata tanta teologia, come ha affermato il nostro Don Marco Vella : teologia che si può leggere nel complesso della struttura, compreso il simulacro della Santa.

Un altro momento particolare è stato il recital sulla vita di S. Rosalia , abilmente curato da Enrica Parla e da Piero Lattuca .

Tanti sono stati i momenti ricreativi : il recital, l’animazione per bambini, spettacoli musicali, giochi pirotecnici, bande musicali,  gruppi folk, gruppi di tamburi che hanno allietato la cittadina

Un grazie particolarissimo va alla coordinatrice dei festeggiamenti Giusy Labruzzo, al Presidente Don Marco Vella , a tutto il comitato, a tutti gli assistenti spirituali, a tutti i portatori e a quanti hanno collaborato per la buona riuscita della festa.

Rispondi